[KBpedia] Gli stabilizzatori: cosa sono e a cosa servono

  • Mods

    Sono uno degli elementi in assoluto più importanti di una tastiera meccanica ma spesso - paradossalmente - sono quelli più trascurati: anche chi bazzica in questo hobby da tempo ha bisogno di diverse build prima di capirne l'importanza e di svilupparne una sufficiente consapevolezza.

    KBpedia_stabs_c3_equalz.jpg

    Ma andiamo per gradi: che sono gli stabilizzatori? E a cosa servono?

    È molto facile ed immediato rispondere alla seconda: servono per uniformare ed assistere la risposta di alcuni tasti durante la loro pressione e successivo rilascio. Quali tasti?

    • SHIFT/MAIUSC sinistro (ANSI)
    • SHIFT/MAIUSC destro
    • RETURN/INVIO
    • BACKSPACE
    • BARRA SPAZIATRICE

    Stabilizzatori layout ANSI

    Stabilizzatori layout ISO

    Se pensiamo ad un tasto «normale» - prendiamo ad es. il tasto «A» - questo ha una dimensione codificata di una unità (1U) che è direttamente proporzionata a quella dello switch su cui è montato: in questo modo la pressione del tasto è centrata perfettamente sullo stelo («stem»).

    Stabilizzatore

    Nel caso dei tasti sopra elencati la situazione è diversa: tutti loro infatti hanno una dimensione superiore a 1U - pensiamo ad esempio alla barra spaziatrice che normalmente è pari a 6,25U o addirittura 7U - e questo causa una leva non trascurabile se vengono premuti ai lati.

    Gli stabilizzatori intervengono proprio per ovviare a questo problema: anche premendo la barra spaziatrice ad una delle sue estremità la vedremo abbassarsi e poi rialzarsi rimanendo perfettamente orizzontale.

    La barra spaziatrice è poi molto particolare perché di fatto nelle configurazioni SPLIT può risultare suddivisa in due o tre parti - e normalmente due di queste hanno altrettanti stabilizzatori dedicati.

    Esistono due grandi famiglie di stabilizzatori, caratterizzate dal modo in cui la leva viene esercitata:

    • Costar style » prevedono il fissaggio solo alla piastra (plate) e hanno degli innesti separati per i keycaps; sono ormai in disuso anche perché il loro assemblaggio è decisamente scomodo;

    Stabilizzatore Costar

    • Cherry style » supportano il fissaggio al plate o al PCB, utilizzano un meccanismo simile a quello degli switch; molto facile da montare e/o rimuovere, oggi sono per molti la scelta obbligata, soprattutto nella variante con fissaggio tramite vite direttamente sulla PCB.

    Stabilizzatore Cherry

    Gli stabilizzatori sono oggetto di moltissime attenzioni e ogni giorno che passa viene elaborato un nuovo modo per modificarli (mods) così da renderli più confortevoli o abbellendone il suono (rimuovendo quel fastidioso tintinnio - «rattle» - tipico delle tastiere commerciali). Questo può essere fatto con tecniche di lubrificazione, smussamento di alcuni spigoli, rimozione di alcune parti «non necessarie» o anche tramite aggiunta di - letteralmente - cerotti (come nell'ormai celebre Holee Mod) : particolare importanza ha anche il bilanciamento del filo metallico.

    La ricerca e il mercato sono attivissimi nella proposizione di nuovi modelli e nel corso dell'ultimo anno sono state molteplici le novità in tal senso: Owlab ha presentato i suoi Owlstabs con filo in «metallo liquido» (pre-bilanciati, non si deformano), TX ha elaborato degli stabilizzatori con stelo in doubleshot (POM all'esterno, e mix di POM e TPU all'interno) mentre AEBoards in collaborazione con Zambumon ha rilasciato il primo batch degli Staebies (nuovo disegno con steli in POM e alloggiamento in Nylon).

    Ci sarebbe molto da dire - fatemi sapere qui sotto se ci sono particolari che volete vedere approfonditi - ma alla fine il dato più importante è uno solo: quando siete davanti ad una tastiera, premete la barra spaziatrice e vi renderete conto immediatamente di che tipo di stabilizzatori fa uso e se questi sono stati moddati a dovere.

    Ahoy! ☠


  • @ylothar verissimo (fai conto che abbia messo un mi piace)

    Semplificherei dicendo che gli stabilizzatori sono necessari solo per keycap di lunghezza 2U (compresi) o superiori (nei disegnini hai scordato di colorare quelli del tastierino). In qualche DIY cinese di KeyPad, mancano nei 2U (fare attenzione).

    Nelle mie handwired, per semplicità uso solo i Costar, hanno molto più gioco (perdonano più errori) ed il filo è sensibilmente più sottile (quindi ha meno inerzia e non suona tanto), ma la differenza con i Cherry è veramente tanta (a favore delle potenzialità di questi ultimi).

  • Mods

    @alan0ford grazie per la correzione, ho sostituito le due immagini con altre dove ho colorato anche il tastierino - colpa mia, personalmente non l'ho mai usato in vita mia, non rientra proprio nei miei pensieri 😝

    Io invece con i Costar proprio non mi trovo: è probabile che il motivo sia più per la praticità nel mettere/togliere i keycaps - operazione che faccio con una certa frequenza.

    Ma il bello del «custom» in questo mondo è proprio questo: ognuno può scegliere l'opzione che preferisce e creare il feeling più adatto con la propria tastiera 👍


  • @ylothar Beh come feeling penso non ci sia storia, abbastanza oggettivamente a favore dei Cherry.

    L'aspetto rimozione lo confermo, ci vogliono abilità manuali e si ha sempre la paura di tirare / spingere troppo e di fare danni.

    Comunque i Costar credo siano prossimi all'estinzione, non li vedo da tempo in nessuna tastiera "a modo" 😬

  • Mods

    @alan0ford io li ho trovati in una vecchia tastiera HPE durante dei lavori di risistemazione rack e cablaggi, abbandonata a prendere polvere credo da qualche decennio 😜



Suggerimenti
  • 1
  • 1
  • 3
Forum dedicato alle + creato con i rubati sull'Isola del e trafugati fin qui via dal Temibile Pirata yLothar.